Fireworks Wednesday

Ore 20:45 Regia di Asghar Farhadi (Iran, 2006, 104’) v.o: persiano – sottotitoli: inglese, italiano Fuochi d’artificio in terra iraniana. Si festeggia così il Nawruz, l’ultimo mercoledì dell’anno persiano. Il film ritrae tre coppie alla vigilia di Nawruz. Rouhi, una giovane donna che sta per sposarsi, accetta un piccolo lavoro come donna delle pulizie in un appartamento nel nord di Teheran per finanziare il suo matrimonio. Quando arriva nell’appartamento, si trova immersa in un’accesa disputa tra Mojdeh e Morteza. Mojdeh sospetta che suo marito Morteza importuni la vicina Simin, e obbliga Rouhi a seguirla. Rouhi diventa sempre più al centro dei due fronti della coppia in lotta. Ne esce un ritratto di famiglia piuttosto complesso, urticante e assai poco ben augurante. Alla presenza del regista Asghar Farhadi     The film portrays three couples on the eve of Nouruz, the Iranian New Year. Rouhi, a young woman who is about to get married, takes a small job as a cleaner in an apartment in northern Tehran to finance her marriage. When she arrives in that apartment, she finds herself in a heated dispute between Mojdeh and Morteza. Mojdeh suspects her husband Morteza of cheating on her and her neighbour Simin, and obliges Rouhi to shadow them. Rouhi gets more and more between the fronts of the fighting...

Nader and Simin, A Separation...

Ore 15:45 Regia di Asghar Farhadi (Iran, 2011, 123’) v.o: persiano, sottotitoli: italiano Una coppia, Nader e Simin, hanno idee opposte sul vivere all’estero ma le stesse opinioni sul divorzio. Mentre Simin è ansiosa di assicurare un futuro migliore alla figlia, Nader rifiuta di lasciare il padre anziano, affetto dal morbo di Alzheimer. Quando il giudice si rifiuta di formalizzare la separazione, Simin lascia la casa di famiglia, con Nader che assumerà una governante. Razieh è una donna devota e povera che si occupa della casa e del padre di Nader con la propria figlia di quattro anni. Quando un giorno Nader ritorna e trova suo padre solo e in difficoltà, la sua furia porta ad un litigio che ha conseguenze inaspettate e devastanti. Alla presenza del regista e dell’attore Babak...

Divine Wind

Ore 20.45 Regia di Merzak Allouache (Algeria, France, Qatar, Lebanon, 2018, 96’) v.o: arabo, sottotitoli: italiano, inglese La ventenne Amine e Nour, che è un po’ più grande, sono estranei quando si incontrano per la prima volta, preparandosi per un attacco terroristico. Nour è determinata a compiere l’attacco e diventare una martire, ed è lei ad avere il controllo della situazione. Ma il suo complice inesperto comincia ad avere i dubbi sull’attacco ad una vicina raffineria di petrolio. Mentre i due si preparano, ognuno di loro impara a modo suo come affrontare le domande esistenziali che questo solleva. Durante la notte prima dell’azione pericolosa, Nour gioca la sua ultima carta vincente. Girato in un bianco e nero di grande bellezza, Divine Wind è l’ultimo poetico quanto politico lungometraggio del maestro algerino Merzak Allouache, che apre domande sul potere seducente, e persino distruttivo, dell’amore trasformato in passione fanatica. Anteprima italiana, alla presenza del regista   Twenty-something Amine and Nour, who’s a little older, are strangers when they first meet, preparing for an attack. Nour is determined to carry out the attack and become a martyr. She is the one who is in control. But her inexperienced accomplice starts to have his doubts about the attack on a nearby oil refinery. As the two of them prepare for the attack, they each learn in their own way how to deal with the existential questions this throws up. During the night before the dangerous action, Nour plays her last trump...

About Elly

Ore 21:00 Regia di Asghar Farhadi (Iran, Francia, 2009, 119’) v.o: persiano, tedesco – sottotitoli: italiano Dopo aver vissuto per molti anni in Germania, Ahmad fa ritorno in Iran. I suoi vecchi compagni di università colgono l’occasione per organizzare una rimpatriata in una villa sul Mar Caspio. Una delle donne del gruppo, la vitale Sepideh, all’insaputa dei compagni, ha invitato Elly, l’insegnante di sua figlia. Ahmad è reduce da un matrimonio infelice con una donna tedesca e non disdegna l’ipotesi di mettere su casa con una donna iraniana. Pertanto gli amici, che hanno compreso perché Sepideh ha invitato Elly, dedicano alla ragazza mille attenzioni e non fanno altro che lodare platealmente le sue qualità. Ma all’improvviso, dopo un incidente, Elly scompare nel nulla. Alla presenza del regista Ashgar Farhadi   A group of middle-class friends travel from Tehran to spend the weekend at the seaside. Sepideh invites Elly, who is her daughter’s teacher, to travel with the three families in order to introduce her to their recently divorced friend Ahmad, now living in Germany. The next morning, the two women go shopping in the town and Elly says that she has to return to Tehran because her mother has been recently submitted to hospital for heart surgery, but Sepideh asks her to stay and hides her luggage. The children are playing in the sea and one mother asks Elly to watch them. Out of the blue, Sepideh’s daughter calls to some men playing volleyball to rescue one of the children from the water. After rescuing the little boy they seek out Elly, questioning whether she has drowned or returned to Tehran. What has happened to...

Heaven Without People...

Ore 20.45 Regia di Lucien Bourjeily (Libano, 2017, 90′) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano   Josephine, matriarca di una famiglia tentacolare, è felice perché per la prima volta in due anni è riuscita a riunire tutti per il pranzo di Pasqua. Mentre i familiari condividono felicemente il pasto, un incidente risveglia le tensioni latenti tra i vari componenti della famiglia, scatenando gradualmente il caos. Anteprima alla presenza del regista   It’s Easter in Beirut and, as many matriarchs do on this holiday, Josephine has gathered her family to celebrate. It’s no small feat given the sprawling nature of her family, many of whom haven’t shared a meal together in years. While the lunch gets off to a joyfully ruckus start, bit-by-bit the façade of the happy family gathering begins to fall away. The result is an astute meditation on the complexities of human nature and a slice-of-life portrait of Lebanese society. A renowned theatre director and social activist in Lebanon, Lucien Bourjeily’s feature debut builds on his desire to dig into taboo topics to forge space for discourse—even if, as we see in Heaven Without People, that can come at a great...

The Cow

Ore 18:00 Regia di Dariush Mehrjui – [carte blanche ad Asghar Farhadi] (Iran, 1969, 104’) v.o: persiano, sottotitoli: inglese, italiano   Tutto il villaggio sa che Mashti Hassan ama la sua mucca alla follia. Un giorno va a Teheran e la sua mucca muore. Gli abitanti del villaggio hanno paura di quello che potrebbe accadere se Hassan scoprisse che è morta e si mettono d’accordo per tenerglielo nascosto. Il film scelto da Asghar Farhadi per il suo “carte blanche” sul cinema iraniano di sempre.   The whole village knows that Mashti Hassan loves his cow to death. One day he goes to the Tehran. His cow dies. The villagers are afraid of what might happen once Hassan finds out his cow is dead. What will happen when he finds...

Amra and the Second Marriage...

Ore 20.45 Regia di Mahmoud Sabbagh (Arabia Saudita, 2018, 95’) v.o: arabo, sottotitoli: italiano, inglese   Amra, una casalinga di 44 anni, scopre che il marito in pensione sta progettando di sposare una seconda moglie più giovane. Nel tentivo di comprendere questa nuova realtà, la sua vita comincia ad andare a rotoli mentre è spinta verso un pesante compromesso. Il regista della commedia candidata agli Oscar ‘Barakah Meets Barakah, nel suo nuovo film indaga la tormentata politica sessuale della società saudita, in una black comedy familiare che sfida i limiti culturali con un’ironia che richiama i fratelli Cohen. Anteprima italiana alla presenza del regista   Amra, a 44-year-old housewife, discovers that her retiring husband is planning to marry a younger second wife. In her attempts to comprehend this new reality, her life begins to unravel as she is pushed towards a hefty compromise. The director of former Oscar hopeful ‘Barakah Meets Barakah’ probes the troubled sexual politics of Saudi society in this bittersweet family...

Look at Me

Ore 22.30 Regia di Nejib Belkhadhi (Tunisia, Francia, Qatar, 2018, 96’) v.o: arabo, francese, sottotitoli: inglese, italiano   Lofti, un immigrato quarantenne tunisino, vive nei sobborghi di Marsiglia dividendosi tra il suo negozio e la fidanzata francese Monique. Il passato riaffiora nella sua vita quando il fratello lo chiama dalla Tunisia per dirgli che sua moglie ha avuto un infarto. Si trova così costretto a far rientro a casa per chiedere l’affidamento di Amr, il figlio autistico di nove anni che non vede da tempo. Inizia così un viaggio in cui scoprirà modi inaspettati per comunicare con il figlio, che lo considera un estraneo, comprendendo la vera paternità e facendo i conti con sé stesso.   Lotfi, 40, is forced to come back to Tunisia when his ex-wife is unexpectedly hospitalized. He is now in charge of his autistic son Amr, 9, obstinate to ignore the presence of a father who he has never known. The lack of any eye contact is going to lead Lofti to fight to reconnect with his child and open him to the...

The Past

Ore 16:00 Regia di Asghar Farhadi (Il Passato) (Iran, Francia, Italian, 2013, 130’) v.o: francese, persiano, sottotitoli: Italiano   Dopo quattro anni di separazione, Ahmad arriva a Parigi da Teheran, su richiesta di Maria, la moglie francese, per espletare le formalità del loro divorzio. Durante il suo breve soggiorno, Ahmad scopre il rapporto conflittuale che Maria ha con sua figlia, Lucia. Gli sforzi di Ahmad per cercare di migliorare questo rapporto sveleranno i segreti di un passato a lui sconosciuto. Alla presenza del regista   Following a four-year separation, Ahmad returns to Paris from Tehran, upon his French wife Marie’s request, in order to finalize their divorce procedure. During his stay, Ahmad quickly discovers the conflicting nature of Marie’s relationship with her daughter, Lucie. But Ahmad’s attempts to build bridges between the two soon begin to encroach on Marie’s new partner, Samir (Tahar Rahim, A Prophet), and as tensions begin to mount it soon becomes clear that the past is only close...

Hendi & Hormonz

Ore 18:30 Regia di Abbas Amini (Iran, 2018, 88’) v.o: Persiano, sottotitoli: italiano, inglese   Sull’isola di Hormuz nel Golfo Persico, secondo l’usanza locale, la tredicenne Hendi è sposata con Hormoz che ha sedici anni. Nonostante la giovane coppia non si conosca quasi affatto, i due si godono appieno l’inizio della loro vita matrimoniale, che per loro è più che altro un modo di giocare insieme. Tuttavia, si verificano eventi che oscurano la loro gioia originale e portano a risultati inaspettati.   On the island of Hormuz in the Persian Gulf, according to local custom, thirteen-year-old Hendi is married off to sixteen-year-old Hormoz. Despite the fact that the young couple hardly know each other, they fully enjoy the beginning of their married life together. However, events occur which darken their original joy and lead to unexpected...

Bomb, A Love Story

  Ore 21:30 Regia di Payman Maadi (Iran, 2018, 97’) v.o: Persiano, sottotitoli: italiano, inglese   E’ il 1988 e, al culmine della guerra Iran-Iraq, Teheran viene bombardata senza sosta. I giorni che passano sono pieni di presagi, eppure l’amore, l’affetto, la speranza e la vita stessa riescono a spazzare via la paura della morte da coloro che ne sono circondati. L’amore può spesso essere difficile da comprendere, ma la morte è un’orribile certezza, nonostante questo in ‘Bomb, A Love Story’, l’amore e la speranza troveranno sempre una via. Tra i protagonisti molti volti noti dei film di Farhadi, tra cui la star del cinema iraniano Leila Hatami.   It’s 1988 and, at the height of the Iran-Iraq War, Tehran is bombed relentlessly. The days that pass are full of foreboding, and yet, love, affection, hope and life itself manage to sweep away the fear of death from those surrounded by it. Love may often be difficult to comprehend, but death is a horrible certitude. ‘Bomb, A Love Story’ shows how, even when faced with the darkness of death, love and hope will find a...

Siren’s Call

Ore 16:45 Regia di Ramin Matin (Turchia, 2018, 93’) v.o: turco, sottotitoli: italiano, inglese   Benvenuti nella nuova Istanbul, una massiccia giungla di cemento che si nutre di caos e ipocrisia. Il protagonista Tahsin è un architetto soffocato proprio dalla sua quotidianità in questa città. Una notte incontra una vecchia amica, Siren, una donna trasformata che ora vive sulla costa meridionale incontaminata della Turchia, dove si dedica all’agricoltura biologica. Ne rimane incantato e decide di lasciare la sua città e seguire il “richiamo della sirena”. Prepara la valigia, saluta arrabbiato al lavoro e si dirige verso l’aeroporto. Eppure non sa che lo aspetta un’odissea tragicomica. Anteprima Italiana alla presenza del regista e dell’attrice protagonista Welcome to the New Istanbul! Tahsin is a burnt-out architect suffocated by his existence in this very city. One night he re-encounters an old friend, Siren; a transformed woman who now lives in the untouched Southern coast of Turkey where she does organic farming. He is enchanted… He decides to leave his shitty town and follow the “call of the siren”. He packs his suitcase, bids angry farewells at work and heads for the airport. Yet, little does he know what a tragicomic odyssey awaits...

Tehran, City of Love

Ore 21.00 # IRANIAN DELIGHTS: dolcezze dall’Iran servite in sala, incluse nel prezzo del biglietto di ingresso Cerimonia di chiusura | I Closing Ceremony di Middle East Now 2019 Una giuria di esperti assegnerà il premio principale: Premiazione “Middle East Now 10th Award 2019” al miglior film Premiazione “Middle East Now Staff Award 2019” al miglio corto o mediometraggio Premiazione “Middle East Now Award” per il miglior film votato dal pubblico Premiazione cortometraggi “Best OFF” Regia di Ali Jaberansari (Iran, Gran Bretagna, Paesi Bassi, 2018, 102’) v.o: persiano, sottotitoli: inglese, italiano   Tre personaggi disincantati: un ex-campione di bodybuilding, una segretaria sovrappeso di una clinica di bellezza e un cantante religioso frustrato, sono alla ricerca dell’amore e di contatti umani a Teheran. Qualcosa di abbastanza difficile in qualsiasi grande città – non da meno a Teheran, dove anche le libertà individuali non possono essere date per scontate. La ricerca dei protagonisti è delicatamente disegnata in questa commedia dolceamara. Tutti e tre stanno cercando calore umano e affetto in una società che non vuole darglieli in cambio. Anteprima italiana, alla presenza del regista e del produttore Babak Jalali Three disenchanted characters: an ex-champion bodybuilder, an overweight beauty clinic secretary and a dispirited religious singer, yearn for love and connection in Tehran. This is hard enough in any big city – never mind in Tehran, where individual freedoms can’t be taken for granted. The protagonists’ search is subtly and gently sketched in this bittersweet tragicomedy. All three of them are looking for warmth and connection in a society that doesn’t embrace them...

The Salesman

Ore 15:30 [Il Cliente] Regia di Asghar Farhadi (Iran, Francia, 2016, 123’) v.o: persiano, sottotitoli: italiano   Costretti a lasciare l’appartamento in cui vivono a causa di pericolosi lavori in un edificio vicino, Emad e Rana si trasferiscono in un nuovo appartamento nel centro di Teheran. Un incidente legato al precedente inquilino cambierà drasticamente la vita della giovane coppia. Film per la cui scrittura Farhadi si è liberamente ispirato a “Morte di un commesso viaggiatore” di Arthur Miller. Alla presenza del regista Asghar Farhadi   Forced out of their apartment due to dangerous works on a neighboring building, Emad and Rana move into a new flat in the center of Tehran. An incident linked to the previous tenant will dramatically change the young couple’s...

Capharnaum

Ore 18:00 Regia di Nadine Labaki (Libano, Francia, USA, 2018, 120’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano   Medio Oriente, nel villaggio di pescatori di Capernaum si svolge la fiaba – dalle evidenti venature politiche – di uno dei protagonisti del dramma di migranti e sfollati: Zein, un bambino che insegue la speranza di una vita migliore e che vediamo pronto a ribellarsi contro lo stato delle cose, scontrandosi legalmente con i suoi stessi genitori, colpevoli di averlo generato. L’ultimo film della regista libanese Nadine Labaki, Premio della Giuria al festival di Cannes.   The doctor thinks Zain is about twelve years old, but nobody knows for sure; he wasn’t registered at birth. And this is not the only pretty basic thing missing from the chaotic lives of Zain and his younger brothers and sisters: they also lack a habitable home, sufficient food, protection, love. So Zain takes his parents to court. His complaint: that they brought him into the...