Tags

Related Posts

Share This

Capharnaum


Ore 18:00

Regia di Nadine Labaki
(Libano, Francia, USA, 2018, 120’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

 

Medio Oriente, nel villaggio di pescatori di Capernaum si svolge la fiaba – dalle evidenti venature politiche – di uno dei protagonisti del dramma di migranti e sfollati: Zein, un bambino che insegue la speranza di una vita migliore e che vediamo pronto a ribellarsi contro lo stato delle cose, scontrandosi legalmente con i suoi stessi genitori, colpevoli di averlo generato. L’ultimo film della regista libanese Nadine Labaki, Premio della Giuria al festival di Cannes.

 

The doctor thinks Zain is about twelve years old, but nobody knows for sure; he wasn’t registered at birth. And this is not the only pretty basic thing missing from the chaotic lives of Zain and his younger brothers and sisters: they also lack a habitable home, sufficient food, protection, love. So Zain takes his parents to court. His complaint: that they brought him into the world.

COMMENTI