Behind Me Olive Trees...

Ore 18.00 Regia di Pascale Abou Jamra (Libano, 2012, 20′) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese. Tornati al loro villaggio di origine nel sud del Libano dopo dieci anni trascorsi in Israele, Maryam e il fratello si ritrovano circondati da ostilità e sospetti, per il fatto di essere figli di un agente del “Lahd”, che aveva collaborato con l’esercito israeliano prima della liberazione del Libano nel 2000. Anteprima italiana After living in Israel for 10 years, Mariam and her brother return to their native village in southern Lebanon. Their homecoming is treated with suspicion and hostility as they are the children of an agent of the ‘Lahd army’, who was cooperating with the Israeli forces, before southern Lebanon was freed in 2000. Italian...

74 – La reconstitution d’une lutte...

Ore 21.00 Regia di Raed e Rania Rafei (Libano, 2012, 95’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese. Quando sono cominciate le primavere arabe? Nel 1974 l’Università Americana di Beirut fu occupata dagli studenti per 37 giorni. I registi Rania e Raed Rafei sono partiti da qui, per mettere in scena un film in cui il presente si sovrappone al passato, già nella scelta degli attori: giovani attivisti di oggi, che con i propri dubbi e le proprie convinzioni incarnano l’esperienza di quarant’anni prima. Anteprima italiana, presenta Sandro Cappelli 1974. Lebanon is in intellectual, cultural and political ferment. Between March and April, for 37 days, a few students from the American University of Beirut occupy the university’s premises to protest against rising tuition fees. 2011: Rania and Raed Rafei decide to step back and reconsider today’s situation in the light of that period which was pregnant with hope, but also a prelude to civil war. ItaIian premiere, presents the film Sandro...

Behind Me Olive Trees...

Ore 15.00 Regia di Pascale Abou Jamra (Libano, 2012, 20′) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese. Tornati al loro villaggio di origine nel sud del Libano dopo dieci anni trascorsi in Israele, Maryam e il fratello si ritrovano circondati da ostilità e sospetti, per il fatto di essere figli di un agente del “Lahd”, che aveva collaborato con l’esercito israeliano prima della liberazione del Libano nel 2000. Anteprima italiana   After living in Israel for 10 years, Mariam and her brother return to their native village in southern Lebanon. Their homecoming is treated with suspicion and hostility as they are the children of an agent of the ‘Lahd army’, who was cooperating with the Israeli forces, before southern Lebanon was freed in 2000. Italian...

A World Not Ours

Ore 20.30 Regia di Mahdi Fleifel (Libano, UK, UAE, 2012, 93’) vo. arabo, inglese, sottotitoli: italiano, inglese. Dal Libano il pluripremiato documentario vincitore del premio Cinema For Peace all’ultimo festival di Berlino. Uno spaccato della storia personale del regista Mahdi Fleifel, cresciuto nel campo profughi di Ain al-Hilweh nel sud del Libano, e successivamente trasferitosi all’estero. Il film racconta, in modo commovente e al tempo stesso ironico, la storia di Abu Eyad, amico di una vita del regista. I due condividono la passione per la politica palestinese, per la musica e per il calcio, e il film ripercorre le estati passate assieme a seguire i mondiali di calcio, quando per qualche settimana i palestinesi diventano brasiliani, tedeschi o italiani. Ma mentre Mahdi puo’ andare e venire dal campo quando vuole, Abu Eyad e’ combattuto tra l’attaccamento alla sua identita’ e la voglia di scappare. Anteprima italiana alla presenza del produttore, presenta il giornalista Raffaele Palumbo.   The film tells the story of Mahdi Fleifel’s long-time friend Abu Eyad. The two men share a passion for Palestinian politics, melancholic music and football. During the football world cup, the Palestinians watch the matches on a TV in a sports shop. For a few weeks, they become Brazilians, Germans or Italians. But whereas Fleifel may enter and leave the camp as he pleases, Abu Eyad is left only with his decision to escape. Danish director Mahdi Fleifel presents the life of three generations in Ain al-Hilweh, the Palestinian refugee camp in south Lebanon where he grew up. Italian premiere, in the presence of the director and of the producer, presents the film the journalist Raffaele...

Just Play

Ore 17.00 Regia di Dimitri Chimenti (Italia, Francia, Palestina, 2012, 58’) vo. arabo, sottotitoli: italiano. C’è un’associazione culturale che da 10 anni porta le sue scuole di musica in un territorio che dai campi rifugiati del Libano arriva sino alla Striscia di Gaza. Il suo nome è Al Kamandjâti, vi lavorano insegnanti di tutto il mondo e raggiunge migliaia di bambini. Per Al Kamandjâti, l’educazione musicale non è solo il miglior mezzo per proteggere la vita, ma anche il più efficace tra gli strumenti di resistenza. Alla presenza del regista.   There is a cultural association that for the last 10 years has brought its music schools in a territory from the refugee camps of Lebanon up to the Gaza Strip. Its name is Al Kamandjâti, with teachers from around the world and reaches thousands of children. For the Kamandjâti, music education is not only the best way to protect life, but also the most efficient tools of resistance. In the presence of the...

Jasad & The Queen of Contradictions...

Ore 18.00 Regia di Amanda Homsi-Ottosson (Libano, UK, 2011, 38’) vo. arabo, sottotitoli: italiano, inglese. La storia dell’affascinante poetessa e scrittrice libanese Joumana Haddad, che ha suscitato innumerevoli polemiche in tutto il Medio Oriente per aver fondato Jasad (“corpo”), la prima rivista trimestrale erotica in lingua araba. Il documentario fa conoscere allo spettatore le motivazioni che hanno spinto l’appassionata Joumana a mettere in piedi un progetto così controverso e le sfide che affronta quotidianamente per portarlo avanti. Anteprima italiana alla presenza della regista e della protagonista Joumana Haddad. A seguire: presentazione dell’ultimo libro della scrittrice libanese Joumana Haddad “Superman è Arabo. Su Dio, il matrimonio, il machismo e altre invenzioni disastrose” (Mondadori). Introduce e modera Gad Lerner.   A documentary about a fascinating Lebanese poet and writer Joumana Haddad who has stirred controversy in the Middle East for having founded ‘Jasad’ (the Body), an erotic quarterly Arabic-language magazine. Italian premiere in the presence of the director and of the protagonist Joumana Haddad. To follow: Presentation of the last book of the Lebanese writer Joumana Haddad “Superman is an Arab”. Moderator, Gad Lerner, journalist (in...