My Green Pencil

Ore 16.00 Regia di Fayaz Bahram (Iran, 2012, 3’) vo. senza dialoghi. Una bambina sacrifica la sua bella matita verde per riportare indietro la primavera. Anteprima italiana   The kid sacrifices all he has (crayon) to bring the spring back to life. Italian...

The Invisible Men

Ore 16.00 Regia di Yariv Mozer (Israele, Palestina, 2012, 80’) vo. arabo, ebraico, sottotitoli: italiano, inglese. Pluripremiato documentario che racconta un aspetto sconosciuto del conflitto israelo-palestinese. Louie, 32 anni, Abdu, 24 anni, e Faris, 32 anni, sono tre gay che vivono clandestinamente in Israele, da “uomini invisibili”, dopo essere stati costretti a fuggire dalle loro famiglie e dalla Palestina, perché perseguitati. La loro unica via d’uscita è chiedere asilo lontano da Israele e Palestina. Alla presenza del regista e dei produttori di Greenhouse In collaborazione con Florence Queer Festival   The Invisible Men’ tells the untold story of persecuted gay Palestinian who have run away from their families and are now hiding illegally in Tel Aviv. Their only chance for survival — to seek asylum outside Israel and Palestine and leave their homelands forever behind. In the presence of the director and of Greenhouse mentors and producers In cooperation with Florence Queer Festival     Gli italiani sanno qual’è la situazione delle persone omosessuali in Medio Oriente? I nostri volontari hanno cercato di...

Under the Colours

 Ore 17.45 Regia di Esmail Monsef Iran, 2012, 20’) vo. persiano, sottotitoli: italiano, inglese. Un indumento femminile, una peccaminosa gonna rossa, si impiglia sul reticolato di una caserma, facendo sognare i giovani soldati che la raccolgono. Anteprima italiana.   When a mysterious female garment is found in a soldier’s garrison, dealing with the situation proves trickier than expected. A meaningful social commentary cloaked in a deceptively simple story. Italian...

The Cutoff Man

Ore 17.45 Regia di Idan Hubel (Israele, 2012, 76’) vo. ebraico, sottotitoli: italiano, inglese. Spinto dalle difficoltà e dalla paura di restare disoccupato, Gabi accetta l’ingrato lavoro di tagliare l’acqua a chi non paga la bolletta. Ogni giorno, seguendo le segnalazioni del municipio, si presenta a casa di qualcuno e per una cifra miserabile porta via il rubinetto. Temuto, sbeffeggiato e odiato per il suo lavoro di “tagliatore d’acqua”, Gabi si ritrova a mettere a repentaglio il sogno del figlio di diventare un calciatore famoso. Un magnifico apologo del capro espiatorio che a detta di molti avrebbe meritato di vincere al festival di Venezia 2012. Gabi cuts off the water supply to people who don’t pay their bills. There’s no choice, it’s either that or unemployment. The more he cuts off, the more money he makes. Like a thief he sneaks into back yards, where the water meters are and like an executor he roams the neighborhood streets. When people see him they curse and humiliate him. they blame him for their situation. Gabi keeps cutting off water, he has a family to support. How long will it be before he...

Kabul at Work

Ore 20.45 Regia di David Gill (Afghanistan, 2012, 15’) vo. dari, pashto, sottotitoli: italiano, inglese. Proiezione di 3 videoritratti di Kabul at Work, il progetto multimediale che racconta la Kabul di oggi attraverso gli uomini e le donne che contribuiscono ogni giorno, con il loro lavoro, a farla rinascere. Anteprima italiana alla presenza del regista   Screening of 3 video portraits of Kabul at Work, a multimedia project that tells of the city of Kabul nowadays through men and women who contribute every day, through their work, to revive it. Italian premiere in the presence of the...

Make Hummus Not War

Ore 20.45 Regia di Trevor Graham (UK, USA, Israele, Palestina, Australia, 2012, 77’) vo. arabo, ebraico, sottotitoli: italiano, inglese. E’ nell’hummus il segreto per la pace in Medio Oriente? Per scongiurare la minaccia di una nuova guerra tra Israele, Libano e Palestina sulla paternità della più famosa crema di ceci al mondo, il documentarista Trevor Graham ha percorso il Medio Oriente in lungo e largo, per arrivare alla conclusione che il simbolo della convivenza esiste già: non fate la guerra, preparate un piatto gigantesco di hummus e sedetevi insieme a gustarlo! Anteprima italiana, in collegamento skype il regista Trevor Graham   Could a regional love of hummus be the recipe for peace in the Middle East? This was the question on director Trevor Graham’s mind when he set out to film Make Hummus Not War, a documentary about the Middle Eastern conflict you don’t see on the nightly news. Italian premiere, skype conversation with director Trevor Graham.   Cosa sanno gli italiani dell’hummus? I nostri volontari hanno cercato di...

Soldier on the Roof

Ore 22.30 Regia di Esther Hertog (Olanda, 2012, 80’) vo. ebraico, arabo, sottotitoli: inglese. Luogo sacro per ebrei, arabi e cristiani, Hebron è anche uno dei contesti più caldi del conflitto israelo-palestinese. Circa 800 ebrei ortodossi vivono in mezzo a 120 mila palestinesi nel vecchio centro storico della città, protetti da battaglioni di soldati israeliani appostati sui tetti. La regista Esther Hertog ha vissuto in mezzo a loro per tre anni, filmando scene reali e più spesso surreali di una convivenza impossibile. Anteprima italiana alla presenza della regista.   There’s a small Jewish enclave at the center of Hebron’s oldest neighborhood, where countless Israeli soldiers are posted on the rooftops to protect 800 settlers from their 120,000 Palestinian neighbors. The filmmaker regularly lived among the orthodox Jewish families for three years, and paints a picture of their daily lives that are marked by constant conflicts. These small local problems all boil down to one fundamental question: who has territorial rights to the area? Italian premiere in the presence of the...