‘Can I jump?’ Palestinian artist at Mexico/US border...

Ore 15:00 – [The Guardian – City Series] Regia di Matteo Lonardi, João Inada (Gran Bretagna, 2016, 5’) v.o. inglese, sottotitoli: italiano     Il candidato repubblicano Donald Trump ha promesso di costruire un muro al confine tra Stati Uniti e Messico. L’artista palestinese Khaled Jarrar è uno dei dieci artisti del progetto Culturunners, che esplora i confini ideologici tra Stati Uniti e Medio Oriente. Presenta Jess Gormley (Guardian News & Media)   Republican presidential candidate Donald Trump has promised to build a wall on the border of the US and Mexico. Palestinian artist Khaled Jarrar is one of the Cultrunners, a group of 10 Middle Eastern artists exploring the ideological boundaries between the US and the Middle...

Nazareth Cinema Lady

Ore 15:00 – [FOCUS GREENHOUSE] Regia di Nurit Jacobs Yinon (Israele, 2015, 52′) v.o. arabo, ebraico, sottotitoli: italiano, inglese     La storia di Safaa Dabour, musulmana osservante di Nazareth, nella lotta quotidiana per realizzare un sogno ambizioso: fondare la prima e unica Cinemateca araba in Israele. Donna single, in un mondo fatto di uomini, Safaa si batte per promuovere i film arabi e creare un’isola di cultura nella società in cui vive. Ritratto cinematografico di una donna coraggiosa, il cui percorso verso la libertà s’intreccia con la battaglia per il successo della sua cinemateca. Anteprima italiana   The story of Safaa Dabour, an observant Muslim woman from Nazareth, struggling to establish the first and only Arab cinematheque in Israel. She succeeds in taking charge of her own fate and freedom and established and run the cinematheque. A single woman in a man’s world, she travels to bring Arab box-office hits from Arab states, and seeks against all odds, to create an island of culture for the society to which she...

Prison Sisters

Ore 16:00 Regia di Nima Sarvestani (Svezia, 2016, 90′) v.o. svedese, dar, farsi, sottotitoli: italiano, inglese     Due giovani donne vengono rilasciate dal carcere in Afghanistan: temendo per la sua vita, Sara fugge in Svezia, mentre Najibeh è costretta a rimanere nel paese. Mentre Sara lotta con la sua libertà ritrovata e con i fantasmi del passato, la sua compagna di prigione Najibeh scompare. Poco dopo Sara viene a sapere che è stata lapidata, e assieme al regista si mette alla ricerca della verità dietro la sua morte, solo per trovare un labirinto di mezze verità per le strade dell’Afghanistan. Anteprima Italiana, alla presenza della produttrice Maryam Ebrahimi.   The film takes us through the journey of two young women who have been released from prison in Afghanistan. Sara’s uncle has planned to kill her an attempt to save his honor in their small village. Fearing for her life Sara escapes to Sweden, but Najibeh stays behind. While Sara struggles with her newfound freedom, her prison-mate Najibeh disappears and soon Sara hears that she was stoned to death. Sara and the filmmaker want to find out the...

Stronger than a Bullet...

Ore 17:45 – [FOCUS GREENHOUSE] Regia di Maryiam Ebrahimi (Qatar, Svezia, 2017, 10’ – work in progress)   Saeid Sadeghi ha fotografato la guerra Iran-Iraq (1980-1988), e molte delle sue immagini furono utilizzate per creare la propaganda di guerra sul martirio. Oggi si ritiene responsabile dell’’invio di migliaia di ragazzi nelle loro tombe. Anteprima Italiana, alla presenza della regista.   Saeid Sadeghi photographed the Iran-Iraq war (1980-1988). Many of his photos were used to create war propaganda for martyrdom. Today he views himself as being responsible for sending thousands of boys to their...

Forever Pure

  Ore 18:00 Regia di Maya Zinshtein (Gran Bretagna, Israele, Irlanda, Norvegia, 2016, 85′) v.o. ebraico, russo, ceceno, sottotitoli: italiano, inglese     Il Beitar Jerusalem Football Club è la squadra di calcio più popolare e controversa in Israele, l’unico club a non aver mai avuto calciatori arabi. A metà della stagione 2013, con un accordo segreto il proprietario del club – l’oligarca russo-israeliano Arcadi Gaydamak – porta in squadra due giocatori musulmani dalla Cecenia. L’accordo rende furiosi i tifosi, e dà il via alla campagna più razzista mai vissuta dallo sport israeliano. Il film documenta questa stagione nella storia del Beitar, e come il razzismo stia rischiando di distruggere una squadra e la società israeliana dal di dentro. January, 2013. A secretive transfer deal transported two Muslim players into the heart of Israel and the Jewish oriented Beitar Jerusalem F.C., leading to the most racist campaign in Israeli sport. One season and one football team in crisis, as power, money and politics fuel a club spiralling out of...

Popcorn

Ore 20.45 Regia di Maitham Al Musawi (Oman, 2012, 10’) v.o. arabo, sottotitoli: italiano, inglese     Con colori e immagini vivide, “Popcorn” racconta la storia di un bambino che compie un viaggio misterioso, durante i tradizionali festeggiamenti con la famiglia il giorno del suo primo compleanno. Anteprima italiana, alla presenza del regista.   Using colors and very vivid images, Popcorn tells the story of a boy who goes through a mysterious journey during his family’s traditional celebration of his first...

In The Last Days of the City...

Ore 20.45 – [FOCUS EGITTO] Regia di Tamer El Said (Egitto, 2016, 112′) v.o. arabo, sottotitoli: italiano, inglese   Il Cairo, anno 2009, al tramonto dell’era Mubarak e prima di Piazza Tahrir. Khalid, un regista di 35 anni sta cercando con fatica di fare un film che catturi l’anima della sua città, mentre sta affrontando una grave perdita nella sua vita. Con l’aiuto dei suoi amici registi, che gli mandano filmati della loro vita a Beirut, Baghdad e Berlino, trova la forza per andare oltre le difficoltà, e vivere la bellezza degli “ultimi giorni della città”. Tra documentario e fiction, l’opera prima di un giovane autore egiziano, un capolavoro che è anche la sinfonia di una grande città. Alla presenza del regista.   Downtown Cairo, 2009. Khalid, a 35 year old filmmaker is struggling to make a film that captures the soul of his city while facing loss in his own life. With the help of his friends, who send him footage from their lives in Beirut, Baghdad and Berlin, he finds the strength to keep going through the difficulty and beauty of living In the Last Days of the...

Tramontane

Ore 22.45 Regia di Vatche Boulghourjian (Libano, Francia, Qatar, Emirati Arabi, 2016, 105′) v.o. arabo, sottotitoli: italiano, inglese     Rabih, un giovane ragazzo cieco, vive in un piccolo villaggio del Libano. Canta in un coro, e la sua vita si sconvolge drammaticamente quando fa richiesta del passaporto per partecipare a un concerto in Europa, e scopre che la sua carta d’identità è falsa. Comincia a viaggiare per tutta la campagna alla ricerca di dati sulla sua nascita, e incontra persone ai margini della società, che gli raccontano le loro storie e aprono nuovi scenari, senza dare a Rabih indizi sulla sua vera identità. Precipitando in un vuoto al centro della sua esistenza, Rabih incontra un paese incapace di raccontare la sua stessa storia. Anteprima italiana   Rabih, a young blind man, lives in a small village in Lebanon. His life unravels when he tries to apply for a passport and discovers that his identification card, which he has carried his entire life, is a forgery. Traveling across rural Lebanon in search of a record of his own birth, he meets people on the far fringes of society who tell their own stories, open further questions and give Rabih minor clues about his true...